VITILIGINE e autoimmunità

 

Vitiligine ed autoimmunità: studio epidemiologico in un campione rappresentativo di giovani maschi italiani

Autoanticorpi circolanti sono stati rilevati nel 42,5% dei soggetti in studio.

Sono stati documentati: anticorpi anti-tireoglobulina in 27,5%, anti-perossidasi tiroidea nel 22,5%, anti-muscolo liscio nel 17,3%, anti-nucleo, anti-mitocondriali e anti-cellule parietali gastriche nel 2,5% rispettivamente.

Solo in due casi (5%) veniva diagnosticato manifesta patologia della tiroide.

Non veniva  rilevata nessuna associazione significativa tra autoanticorpi circolanti  ed estensione cutanea coinvolta / decorso clinico della malattia.

Autoanticorpi circolanti (anticorpi anti-tiroide in particolare) erano statisticamente associati ad una minore durata della malattia.

Conclusioni: In accordo con altri studi,  autoanticorpi in assenza di manifestazioni cliniche sono stati frequentemente osservati nei nostri pazienti con vitiligine, in particolare durante la fase precoce della malattia.

Il significato clinico di questi dati sembra essere limitato, con la possibile eccezione di malattie della tiroide, essendo necessari approfondimenti attraverso studi di coorte di grandi dimensioni.

 

cause vitiligine,cura della vitiligine,dermatologo vitiligine, nuove cure vitiligine

J Eur Acad Dermatol Venereol. 2010 May 7. Vitiligo and autoimmunity: an epidemiological study in a representative sample of young Italian males. Ingordo V, Gentile C, Iannazzone S, Cusano F, Naldi LDepartment of Italian Navy Health, Taranto, Italy.

 

MALATTIE AUTOIMMUNI della tiroide

Suscettibilità genetica a malattie autoimmuni della tiroide: passato, presente e futuro.

Le malattie autoimmuni della tiroide (AITD), compresa la malattia di Graves e la tiroidite di Hashimoto, sono dovute a complesse interazioni tra fattori ambientali e genetici.

Notevoli progressi sono stati compiuti nella comprensione dei meccanismi di immunogenetica leader di autoimmunità tiroidea e si inizia   a conoscere questi meccanismi a livello molecolare.

Sono qui riassunte  le nuove scoperte in materia di suscettibilità genetica alle malattie autoimmuni della tiroide e meccanismi emergenti di sensibilità.
Questi nuovi dati potrebbero essere presto tradotti in nuove terapie e strategie di prevenzione delle AITD.

Thyroid. 2010 Jul;20(7):715-25. Genetic susceptibility to autoimmune thyroid disease: past, present, and future. Tomer Y.

 

VITILIGINE generalizzata e malattie autoimmuni

Relazione genetica tra vitiligine generalizzata e malattie autoimmuni della tiroide

La vitiligine generalizzata è una malattia autoimmune della pigmentazione cutanea associata con maggiore prevalenza ad altre malattie autoimmuni, in particolare malattie autoimmuni della tiroide (AITD; principalmente malattia di Hashimoto e  malattia di Graves ),in soggetti con vitiligine e parenti stretti. Il  che suggerisce una predisposizione ereditaria.

Questa review riassume le attuali conoscenze nella epidemiologia e genetica della vitiligine, mettendo in evidenza i recenti risultati nella identificazione dei geni coinvolti, e loci di suscettibilità condivisi con altre malattie autoimmuni.
La suscettibilità alla vitiligine generalizzata coinvolge un numero di geni specifici, molti dei quali sono condivisi con altre malattie autoimmuni che sono epidemiologicamente associate con la vitiligine, anche AITD, confermando l’ipotesi di lunga data su base genetica di questi disturbi.

Questi geni fornirebbero  potenziali bersagli terapeutici per nuovi approcci al trattamento, nonché   alla diagnosi presintomatica e prevenzione di malattia in soggetti con predisposizione ereditaria a questo gruppo di malattie autoimmuni.

 

cause vitiligine,cura della vitiligine,dermatologo vitiligine, nuove cure vitiligine

Thyroid. 2010 Jul;20(7):745-54. Shared genetic relationships underlying generalized vitiligo and autoimmune thyroid disease. Spritz RA.

 

VITILIGINE

Determinazione della risposta terapeutica nella vitiligine

Questo articolo descrive una tecnica che consente analisi di immagine per misurare obiettivamente la ripigmentazione della pelle per la valutazione della risposta terapeutica nel trattamento della vitiligine.

Il processo di ripigmentazione è molto lento ed è osservabile solo dopo alcuni mesi di trattamento.
Viene applicata l’analisi delle componenti  in termini di melanina e di emoglobina.

cause vitiligine,cura della vitiligine,dermatologo vitiligine, nuove cure vitiligine 

Independent component analysis for assessing therapeutic response in vitiligo skin disorder Fadzil, M H Ahmad Norashikin, S Suraiya, H H Nugroho, H Journal of Medical Engineering & Technology. Vol. 33, no. 2, pp. 101-109. Feb 2009.


 

 

DERMATITE SEBORROICA e acido azelaico

Gli approcci terapeutici attuali includono  agenti antifungini, con attività anti-infiammatoria e anticheratinizzante.

L’acido azelaico, che presenterebbe tutte e 3 le proprietà, può aggiungersi nel trattamento della dermatite seborroica, che comprende attualmente steroidi topici, antifungini, cheratolitici ed altri agenti.

Questo studio evidenzia efficacia dell’ acido azelaico 15% gel (già risultato efficace nella rosacea) nella dermatite seborroica.

 

cause dermatite seborroica, cura dermatite seborroica,DERMATITE SEBORROICA,dermatologo dermatite seborroica, nuove cure dermatite seborroica

J Drugs Dermatol. 2009 Feb;8(2):125-33.Facial seborrheic dermatitis: a report on current status and therapeutic horizons. Bikowski J.

 

FOTOTERAPIA UVA1

 UVA1:  contrariamente ad  UVB, controlla l’espressione di proteine TGF-beta/Smad in pelle umana in vivo.

dermatologo terapia UV, uva

Br J Dermatol. 2007 May;156(5):951-6.  Significant downregulation of transforming growth factor-beta signal transducers in human skin following ultraviolet-A1 irradiation. Gambichler T, Skrygan M, Tomi NS, Breuksch S, Altmeyer P, Kreuter A.