ECZEMA DISIDROTICO

DERMATOLOGO UNIVERSITARIO PROFESSORE PIETRO SANTOIANNI NAPOLI

Attualità negli Studi in Dermatologia

Dermatologo a Napoli: Prenota una visita medica

vedi anche 

http://www.pietrosantoianni.net

vedi anche Research News in questo sito

    

Eczema disidrotico

L’eczema disidrotico è  una forma  di dermatite vescicolare o vescico-bollosa delle palme e piante, spesso ricorrente. E’ frequente ugualmente in uomini e donne di età media.

Clinica. Gli elementi vescicolari compaiono caratteristicamente alle superfici laterali delle dita delle mani e all’arco plantare.

Il prurito  è sempre intenso e spesso precede la comparsa  degli elementi vescicolari.

Gli episodi, della durata di molte settimane o di qualche mese, si presentano una o più volte in un anno e possono ripetersi nel corso di alcuni anni.

All’esame obiettivo si osservano alle dita e palme e/o arco plantare, presenti in modo simmetrico, elementi raggruppati vescicolari e/o bollosi a volte anche di grosse dimensioni.

La eziologia è multifattoriale: può essere considerata un tipo di reazione determinata dal concorso di condizioni endogene ed esogene.

In larga percentuale sono stati riscontrati diatesi atopica ( anche aumento di IgE) e iperidrosi.

Significativi appaiono i fattori ambientali. Le variazioni stagionali  e climatiche risultano di regola  associate alle recidive dell’eczema disidrotico, che  comunemente si verifica nei mesi di primaverili e anche estivi. E’ riconosciuto il ruolo, in soggetti predisposti, di  situazioni stressogene e del fumo.

Gli episodi potrebbero essere scatenanti da fattori esogeni. Sono stati presi in considerazione diversi antigeni con possibile affinità alle proteine epidermiche  delle aree palmo-plantari. (Gli apteni, legandosi ai recettori tessutali e attivandoT linfociti, potrebbero rappresentare l’elemento patofisologico iniziale).

In diversi studi sono riscontrati e ritenuti possibili elementi coinvolti nei meccanismi causali: allergia da contatto verso prodotti cosmetici e di igiene personale e verso metalli. Test allergologici epicutanei positivi (a nichel,cobalto,conservanti) sono stati riscontrati  in una elevata percentuale di soggetti e anche sospettata riattivazione da farmaci o alimenti.

Il ruolo nella patogenesi  di questa affezione dei numerosi, diversi dati a carattere allergologico riportati tuttavia non è  chiaro.

Può essere perciò ritenuto che – in soggetti specificamente predisposti – il quadro clinico ed istologico dell’eczema disidrotico possa essere in qualche modo scatenato da fattori primariamente  endogeni e secondariamente ambientali.

( P. Santoianni)