MALATTIE AUTOIMMUNI

Carenza di vitamina D, CD8 + T-Cell Deficiency, Epstein-Barr virus e processo autoimmune: un’ipotesi unificante

  Viene proposto che la carenza di cellule T CD8 + sia alla base dello sviluppo di malattie autoimmuni croniche; e pertanto vi sia inizialmente una alterazione del controllo della infezione da virus di Epstein-Barr da parte delle cellule T CD8 +.

 Carenza di T CD8 + è una caratteristica di molte malattie croniche autoimmuni, tra cui  sclerosi multipla, artrite reumatoide, lupus eritematoso sistemico, sindrome di Sjögren, sclerosi sistemica, dermatomiosite, cirrosi biliare primaria, colangite sclerosante primitiva, colite ulcerosa, morbo di Crohn, psoriasi, vitiligine , pemfigoide bolloso, alopecia areata cardiomiopatia dilatativa idiopatica, diabete mellito tipo 1, malattia di Graves ‘, tiroidite di Hashimoto, miastenia gravis, nefropatia IgA, nefropatia membranosa, e anemia perniciosa. Si verifica anche in parenti sani di pazienti con malattie autoimmuni, il che indica determinazione genetica.

 

ALOPECIA AREATA, causa alopecia areata,causa psoriasi,causa vitiligine,pemfigoide bolloso, PSORIASI,vitamina D,VITILIGINE

Autoimmune Dis. 2012;2012:189096.  CD8+ T-Cell Deficiency, Epstein-Barr Virus Infection, Vitamin D Deficiency, and Steps to Autoimmunity: A Unifying Hypothesis. Pender MP.

———————-

 

 

VITILIGINE SEGMENTALE

Nuove scoperte nella vitiligine segmentale: caso clinico e revisione delle teorie

Vitiligine segmentale e vitiligine generalizzata sono in generale considerate come entità separate.

Viene descritto un caso con presenza simultanea di vitiligine segmentale, alopecia areata, psoriasi e halo nevus.Questo sembra essere il primo caso con questa combinazione eccezionale.

 Questa concomitante presenza  potrebbe sostenere il coinvolgimento di un  comune processo mediato autoimmune, e può fornire nuovi dati sulla patogenesi della vitiligine segmentale e indirizzare la ricerca futura.

causa vitiligine, cura vitiligine, dermatologo vitiligine, VITILIGINE, nuove cure vitiligine,

Br J Dermatol. 2012 Feb;166(2):240-6.New insights in segmental vitiligo: case report and review of theories.van Geel NMollet IBrochez LDutré MDe Schepper SVerhaeghe ELambert JSpeeckaert R.

 

PSORIASI : trattamento UVB a banda stretta

CURA PSORIASI: IMPORTANZA DEI PARAMETRI GENETICI E CLINICI

Questo studio evidenzia l’importanza dei parametri genetici e clinici nel determinare i risultati del trattamento UVB a banda stretta nella psoriasi

CAUSE PSORIASI, cura psoriasi, dermatologo psoriasi, nuove cure psoriasi.

Br J Dermatol. 2010 Nov;163(5):1056-63.  Clinical and genetic predictors of response to narrowband ultraviolet B for the treatment of chronic plaque psoriasis. Ryan CRenfro LCollins PKirby BRogers S. 

 

VITILIGINE e disfunzioni della tiroide

Studio su incidenza di disfunzioni tiroidee e tiroidite autoimmune in  bambini con vitiligine. Il 42% aveva uno o più membri della famiglia  che presentavano disfunzione della tiroide, malattie autoimmuni o  entrambe.
Non è stato trovato ipo- o ipertiroidismo nei soggetti esaminati. 

dermatologo vitiligine,VITILIGINE

Int J Dermatol 2011, 50: 175 Study shows link between autoimmune thyroiditis and pediatric vitiligo  Uncu, S. et al.

s

NICOTINAMMIDE: effetti protettivi verso UV

L’ UV è cancerogeno provocando mutazioni nella cute e   sopprimendo l’immunità antitumorale.  La nicotinamide (vitamina B3, niacina) risulta efficace nel ridurre la immunosoppressione  UV indotta. Sembra esercitare i suoi effetti protettivi  intervenendo nei meccanismi energetici cellulari. 

cura rosacea,dermatologo dermatite,nicotinammide,PRURITO

Photochem Photobiol. 2010 Jul-Aug;86(4):942-8. Nicotinamide prevents ultraviolet radiation-induced cellular energy loss. Park JHalliday GMSurjana DDamian DL. 

 

VITILIGINE, chellina, UV

Vitiligine: irradiazione monocromatica a 308 nm in monoterapia o con chellina

Questo studio valuta l’efficacia della luce monocromatica ad eccimeri 308 nm (MEL), sia come monoterapia che in combinazione con khellin 4% in unguento .

MEL 308 nm, da sola e / o combinata con  4% chellina ha dato risultati incoraggianti e può essere considerata una valida opzione terapeutica degna di considerazione nel trattamento della vitiligine.


cura della vitiligine,dermatologo, Prof. Santoianni, terapia della vitiligine,VITILIGINE

Monochromatic excimer light 308 nm in monotherapy and combined with topical khellin 4% in the treatment of vitiligo: a controlled study. Dermatol Ther.  2009; 22(4):391-4 Saraceno R; Nisticò SP; Capriotti E; Chimenti S

 

VITILIGINE SEGMENTALE

VITILIGINE SEGMENTALE come espressione possibile di mosaicismo somatico cutaneo: implicazioni per la vitiligine comune non-segmentale.

L’associazione di VS di vitiligine non-segmentale , ora confermata da diverse osservazioni,  indica un continuum tra i due subset  con fattori predisponenti genetici, inclusi geni la cui attività riguarda la  pelle.

La VS costituirebbe una patologia buon  candidato per una nuova strategia di indagine dei geni  in disturbi multigenici con specificità d’organo, applicabile in via prioritaria per malattie della pelle infiammatorie croniche.

Pigment Cell Melanoma Res. 2008 Dec;21(6):646-52. Epub 2008 Oct 28.Segmental vitiligo as the possible expression of cutaneous somatic mosaicism: implications for common non-segmental vitiligo. Taïeb A, Morice-Picard F, Jouary T, Ezzedine K, Cario-André M, Gauthier Y.

.

VITILIGINE, trattamento topico

TRATTAMENTO TOPICO DELLA VITILIGINE

Associati o meno a fototerapia trattamenti topici usati nella vitiligine sono: steroidi, inibitori della calcineurina, analoghi della vitamina D, pseudocatalasi e anche agenti depigmentanti.
In questo articolo sono  esaminati studi randomizzati e controllati.

Psoraleni e chellina possono essere utilizzati come agenti topici in combinazione con irradiazioni UV, ma non   sono inclusi in questa rassegna. Sono anche  esclusi agenti topici meno utilizzati o inefficaci, come melagenina, fenilalanina topica,  L-DOPA topica, ed altri.

Inibitori della calcineurina per uso topico possono essere usati per la terapia della vitiligine localizzata (<20% della superficie della pelle area).
Pseudocatalasi con NB-UVB non sembra essere più efficace di placebo con NB-UVB.
Le combinazioni di
analoghi della vitamina D hanno efficacia variabile in rapporto al tipo e  tipo di  UV utllizzato.
L’efficacia di combinazioni di inibitori della calcineurina variano anche in base al tipo e  UV utlizzato, con tacrolimus Protopic   più efficace con laser ad eccimeri.

Pimecrolimus Elidel è risultato efficace con NB-UVB e laser ad eccimeri per lesioni del viso. La microdermoabrasione  per aree localizzate.

 

 G Ital Dermatol Venereol. 2010 Feb;145(1):57-78. Topical treatment and combination approaches for vitiligo: new insights, new developments. Hossani-Madani AR, Halder RM.

 

 

VITILIGINE e autoimmunità

 

Vitiligine ed autoimmunità: studio epidemiologico in un campione rappresentativo di giovani maschi italiani

Autoanticorpi circolanti sono stati rilevati nel 42,5% dei soggetti in studio.

Sono stati documentati: anticorpi anti-tireoglobulina in 27,5%, anti-perossidasi tiroidea nel 22,5%, anti-muscolo liscio nel 17,3%, anti-nucleo, anti-mitocondriali e anti-cellule parietali gastriche nel 2,5% rispettivamente.

Solo in due casi (5%) veniva diagnosticato manifesta patologia della tiroide.

Non veniva  rilevata nessuna associazione significativa tra autoanticorpi circolanti  ed estensione cutanea coinvolta / decorso clinico della malattia.

Autoanticorpi circolanti (anticorpi anti-tiroide in particolare) erano statisticamente associati ad una minore durata della malattia.

Conclusioni: In accordo con altri studi,  autoanticorpi in assenza di manifestazioni cliniche sono stati frequentemente osservati nei nostri pazienti con vitiligine, in particolare durante la fase precoce della malattia.

Il significato clinico di questi dati sembra essere limitato, con la possibile eccezione di malattie della tiroide, essendo necessari approfondimenti attraverso studi di coorte di grandi dimensioni.

 

cause vitiligine,cura della vitiligine,dermatologo vitiligine, nuove cure vitiligine

J Eur Acad Dermatol Venereol. 2010 May 7. Vitiligo and autoimmunity: an epidemiological study in a representative sample of young Italian males. Ingordo V, Gentile C, Iannazzone S, Cusano F, Naldi LDepartment of Italian Navy Health, Taranto, Italy.

 

VITILIGINE generalizzata e malattie autoimmuni

Relazione genetica tra vitiligine generalizzata e malattie autoimmuni della tiroide

La vitiligine generalizzata è una malattia autoimmune della pigmentazione cutanea associata con maggiore prevalenza ad altre malattie autoimmuni, in particolare malattie autoimmuni della tiroide (AITD; principalmente malattia di Hashimoto e  malattia di Graves ),in soggetti con vitiligine e parenti stretti. Il  che suggerisce una predisposizione ereditaria.

Questa review riassume le attuali conoscenze nella epidemiologia e genetica della vitiligine, mettendo in evidenza i recenti risultati nella identificazione dei geni coinvolti, e loci di suscettibilità condivisi con altre malattie autoimmuni.
La suscettibilità alla vitiligine generalizzata coinvolge un numero di geni specifici, molti dei quali sono condivisi con altre malattie autoimmuni che sono epidemiologicamente associate con la vitiligine, anche AITD, confermando l’ipotesi di lunga data su base genetica di questi disturbi.

Questi geni fornirebbero  potenziali bersagli terapeutici per nuovi approcci al trattamento, nonché   alla diagnosi presintomatica e prevenzione di malattia in soggetti con predisposizione ereditaria a questo gruppo di malattie autoimmuni.

 

cause vitiligine,cura della vitiligine,dermatologo vitiligine, nuove cure vitiligine

Thyroid. 2010 Jul;20(7):745-54. Shared genetic relationships underlying generalized vitiligo and autoimmune thyroid disease. Spritz RA.