AFTOSI

DERMATOLOGO UNIVERSITARIO PROFESSORE PIETRO SANTOIANNI NAPOLI

Attualità negli Studi in Dermatologia

Dermatologo a Napoli: Prenota una visita medica

vedi anche 

http://www.pietrosantoianni.net

vedi anche Research News in questo sito

Trattamenti attuali della aftosi orale ricorrente

Le afte idiopatiche sono lesioni infiammatorie che compaiono frequentemente nella mucosa orale. La loro posizione nosologica è definita, ma queste lesioni non sono sempre facilmente differenziabili da altre ulcerazioni ed erosioni della mucosa orale. La guarigione spontanea è possibile dopo molti anni. Le lesioni ulcerative complesse richiedono accurata diagnosi per le possibili condizioni associate: anemia, neutropenia ciclica, deficienza di acido folico o ferro, affezioni gastrointestinali come Crohn e altre.

Topici
L’applicazione di diclofenac 3% in hyaluronan 2.5% ha messo in evidenza significativa riduzione del dolore in uno studio in doppio-cieco.
Il sucralfato è efficace se applicato più volte al giorno: esercita un effetto calmante sulle lesioni aderendo alla mucosa e formando una barriera protettiva.
Sono state recentemente sperimentati acido 5-aminsalicilico 5% in crema, e paste con amiloglucosidasi e glucosoossidasi.
La prostaglandina E2 in gel sembrerebbe prevenire la formazione di nuove afte.
Danno una qualche attenuazione del disagio medicazioni a blanda azione antiinfiammatoria (contenenti estratti di aloe, camomilla, etc.). Gli steroidi topici, in diverse preparazioni, sono adoperati nella pratica (ad es.per la notte, mentre durante il giorno vengono applicate altre sostanze).

Uno studio sperimentale indicherebbe un effetto antinfiammatorio della nicotina e della bioicianina A sui cheratinociti, e in un limitato studio sarebbe emersa la possibilità di remissione della aftosi con gomme masticabili alla nicotina.

Trattamenti sistemici
È stata trovata efficacia della pentossifillina (300 mg 1-3 volte al dì) nella aftosi orogenitale, in studi non controllati .

Note
– La pentossifillina inibisce la produzione di diverse citochine proinfiammatorie,come TNF alfa, e ha effetto soppressivo su cellule T, CD8-positive.
– La ciclosporina, inbitore di calcineurina, inbisce la attivazione di cellule T.


AFTA, afta cura, afta cura napoli, afta cure, afta cure nuove, afta cure napoli, afta trattamenti, afta trattamento, afta rimedi, afta rimedio, afta terapia, afta terapie, afta trattamenti napoli, afta trattamento napoli, AFTE, afte cura, afte cura napoli, afte cure, afte cure nuove, afte cure napoli, afte trattamenti, afte trattamento, afte rimedi, afte rimedio, afte terapia, afte terapie, afte terapia napoli, afte terapie napoli, AFTA ORALE, afta orale cura, afta orale cura napoli, afta orale cure, afta orale cure nuove, afta orale cure napoli, afta orale trattamenti, afta orale trattamento, afta orale rimedi, afta orale rimedio, afta orale terapia, afta orale terapie, afta orale terapia napoli, afta orale terapie napoli.
Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: